Il dodgeball (letteralmente palla schivata) è uno sport di squadra nato come evoluzione agonistica della comune palla prigioniera.

Il dodgeball è giocato in tutto il mondo e conosce numerose varianti di regolamento. Quelli che seguono sono i principi basilari del gioco presenti nel Regolamento Tecnico di Gioco.

Palle e campo di gioco

Campo da dodgeball dove sono evidenziati: le due metà campo contrapposte; la dead zone (o neutral zone) centrale; lo spazio riservato ai giocatori eliminati (queue).

Solitamente si gioca in sei contro sei, con sei palloni. A inizio partita i palloni sono situati al centro della “dead zone”, fascia di 60 cm che divide le due aree di gioco, equamente distanziate; i giocatori invece sono fermi dietro la propria linea di fondocampo, pronti a partire quando l’arbitro fischia l’inizio della partita per prendere il maggior numero di palloni prima degli avversari. Il numero di giocatori che possono correre per aggiudicarsi un pallone è pari al numero dei palloni in campo. I restanti giocatori entrano in campo al seguito del fischio di inizio.

In genere il campo di gioco misura 9 x 18 metri (le stesse misure di quello da pallavolo). Durante la partita ogni squadra deve rimanere nella propria metà campo; la dead zone centrale è neutra e vi si può entrare solo nella fase di corsa all’inizio del gioco con le mani o per prelevare i palloni; all’esterno del campo di gioco vi sono due aree destinate ai giocatori eliminati. La palla deve essere bloccata senza che cada a terra o tocchi un altro giocatore.

Obiettivo

L’obiettivo del gioco è quello di eliminare tutti i giocatori della squadra avversaria, o terminare il gioco con un numero di giocatori in campo maggiore rispetto alla squadra avversaria.

Partita

Ogni partita si compone di diversi set (3, 5 o 7, a seconda della categoria o delle competizioni), della durata di 3 minuti. Vince la partita la squadra che si aggiudica il maggior numero di set. Si aggiudica il set la squadra che elimina tutti i giocatori avversari, oppure la squadra che elimina il maggior numero di giocatori avversari nei 3 minuti di gioco.

È consentito chiudere un set in parità. In partite ad eliminazione diretta, in caso in cui, conclusosi l’ultimo game il risultato della partita risulti in parità, si disputerà un “extra-set” tempo supplementare di 3 minuti. Nel caso in cui al termine dei 3 minuti di gioco le due squadre avessero lo stesso numero di giocatori in campo, il game continuerà fino alla prima eliminazione.

Tra un set e l’altro le squadre possono usufruire di un time out di un minuto. Al termine del set le due squadre si scambiano i campi di gioco e si preparano per il successivo.

Le azioni possibili in partita:

  • Schivata: schivare i palloni per non farsi eliminare.
  • Presa (al volo): prendere al volo un pallone avversario per eliminarlo e fare rientrare in campo un compagno.
  • Bloccata: difendersi con il pallone che si ha in mano respingendo quello in arrivo da un avversario.

L’eliminazione

Un giocatore viene eliminato quando:

  • viene colpito da un pallone lanciato da un avversario, senza che abbia prima rimbalzato sul suolo o toccato un altro pallone;
  • il pallone da lui lanciato viene preso al volo da un avversario;
  • entra nella dead zone, oppure esce dal proprio campo per schivare un lancio avversario.
  • qualora numericamente in maggioranza rispetto all’altra squadra e in possesso della maggioranza dei palloni, non lanciando la palla all’avversario entro un tempo di 5 secondi.
  • qualora numericamente in maggioranza rispetto all’altra squadra e in possesso della maggioranza dei palloni, se un compagno non lancia la palla all’avversario e il giocatore è il più prossimo ad una palla nella propria metà campo non in mano a nessuno.
  • si effettua un tiro nullo. Ovvero il lancio del pallone non è entro 1 m dall’obiettivo.

Il giocatore eliminato deve abbandonare immediatamente il campo di gioco e resta ad attendere nella zona degli eliminati. Un giocatore può rientrare in campo e quindi in gioco qualora un suo compagno faccia una presa, ovvero prenda al volo un pallone lanciato dagli avversari. I giocatori eliminati tornano in campo nello stesso ordine con cui sono stati eliminati.

Divieti

È consentito uscire dalle linee perimetrali per recuperare i palloni che sono esterni al terreno di gioco, purché nella propria metà campo (all’esterno del campo di gioco la propria metà campo è individuata dal prolungamento immaginario delle due linee della dead zone) e dopo i 3 m dal centro; non si può uscire al fine di schivare la palla, pena l’eliminazione. Una volta usciti dal campo, è vietato lanciare la palla ed è vietato rientrare da una linea laterale, ma solo da quella di fondo.

Vittoria

Una squadra si aggiudica un set quando riesce ad eliminare tutti i giocatori della squadra avversaria, oppure quando, al termine dei 3 minuti di durata massima di un set ha in campo più giocatori rispetto all’altra. La partita è vinta dalla squadra che si aggiudica il maggior numero di set vinti.

 

Beach dodgeball

La variante da spiaggia, il beach dodgeball, si gioca invece in 4 contro 4 su di un campo costituito principalmente da sabbia con una grandezza di 8 x 16 metri (le stesse misure del campo da beach tennis).